lunedì 18 marzo 2013

Anne e la Bestia - Premio Pietro Miccia 2013

  E dopo Mantova si parte alla rincorsa verso Torino Comics 2013! Lo so che manca un sacco... ma la notizia è che finalmente si hanno informazioni sul Premio Pietro Miccia 2013 che ci stava facendo sudare un po' a tutti noi fumettari. Perchè sudare? A 4 settimane dalla fatidica fiera non si avevano notizie sul contest! Poichè negli scorsi anni esso consisteva nell'elaborazione di un intero progetto pubblicabile (come appunto il Lucca Project Contest) ma a tema dato, potete comprendere che un'impresa del genere non è delle più facili in un tempo così breve. Il sito della fiera deve aver ricevuto un sacco di visualizzazioni da parte di tutti i fumettari d'Italia (pensate che anche questo blog ha ricevuto un sacco di click "a tradimento" ricercando su google informazioni sul bando di concorso!) senza però nessun aggiornamento.
  A metà settimana mi arriva la mail dalla segreteria di Torino Comics: finalmente l'apertura del concorso. Quest'anno esso si svolgerà in un altra maniera rispetto alle scorse volte. Da elaborazione domestica ed esposizione in fiera si passa a una vera e propria battaglia in tempo reale all'interno del Lingotto Fiere! La sfida è di realizzare una copertina a colori a tema dato rientrando nelle categorie di tecnica ad acquerello o a pennarello in 4 ore. Per partecipare si invia una mail di adesione e si prega disperatamente di essere tra le prime 15 persone ad averla inviata. Infatti i primi 15 meritevoli (nella mail bisogna allegare dei propri elaborati, mica basta saper scrivere velocemente al computer!) potranno  partecipare alla gara avendo a disposizione del mega materiale offerto dall'organizzazione. Vi metto il bando qui se vi interessa!
   Io ovviamente mi sono già iscritto alla sezione pennarelli. Non ho mai usato i pennarelli ma credo sia un ottima occasione per sperimentare, no? Speriamo in bene!

  Per rimanere in tema con il concorso Pietro Miccia ho deciso di farvi vedere per questa volta parte dei disegni del progetto che inviai l'anno scorso. Il tema era quello di rielaborare una fiaba o un classico della letteratura in maniera creativa.
  Come fiaba io scelsi "La Bella e la Bestia". Il capolavoro della Disney aveva ormai spiazzato il mercato a riguardo: un' elaborazione così intensa non si era mai vista e il design della Bestia è ormai profondamente radicato nell'immaginario collettivo. Era una sfida molto interessante! La base era tramutare la semplice relazione Belle-Bestia un tragico triangolo amoroso. La "terza" è infatti Anne, da qui il nome del progetto: "Anne e la Bestia". Non vi sto a tediare di tutti i piccoli problemi di cuore che si generano tra i protagonisti e invece vi faccio subito vedere gli elaborati!


  Ho introdotto il personaggio della Fata (A' FATA!) come presenza magica "aiutante" del protagonista. Ho deciso di caratterizzarla tramite le piume di pavone per darle quell'effetto inquietante che mi interessava tanto. Avevo intenzione di tenerle gli occhi coperti tranne in alcuni momenti di massimo pathos rivelando che il loro iride era proprio come quello di una piuma di pavone. Mi sembrava un idea originalissima... finchè non mi sono ricordato che l'avevo inconsciamente rubata a quel gran telefilm della mia infanzia che altri non è che Hercules! Come potete vedere nel video a 00:28 la caratterizzazione sarebbe stata identica e rimossi questo particolare (inoltre mi flagellai per il potenziale plagio).
  La bestia è stata forse la parte più interessante da disegnare: dovevo discostarmi dal design della Disney in maniera netta, del tipo "Hei, non c'è solo quella versione!". Quindi feci un brainstorming (servono ogni tanto): cos'è una Bestia? Tolsi tutti i felini e i canidi (abbondanti nella versione classica) per gettarmi a capo fitto negli animali dalla mole imponente: elefanti, facoceri, mammuth, orsi... Animali non necessariamente aggressivi ma di certo molto imponenti e primordiali. Fui condizionato molto (ed evidentemente) anche da quel gioco stupendo che è Shadow of the Colossus che mi guidò soprattutto nella colorazione del gigante. Fu divertente immaginarsi una metamorfosi del genere e i problemi relativi ad avere una tale stazza.
  Il progetto alla fine non mi consentì di vincere nulla e non passò nemmeno le prime selezioni (anche per colpa del mio vecchio pc che si crashò violentemente non consentendomi di lavorare... da quell'episodio ho un Mac) ma fu ugualmente una vittoria: avevo portato a termine un progetto per un concorso importante. Il grande Luca Baino (sì, proprio il figo che tiene Ronin Writer) mi aiutò molto e consolidammo quel rapporto di riferimento reciproco che mi portò a contare su di lui per il Project Contest di Lucca 2012.

  ... Dite che posto solo roba vecchia? Che mi sto rammollendo? Che non disegno più? Sarà meglio che crediate questo, voglio che quello a cui sto lavorando sia una bella sorpresa! Statemi bene ragazzi e inscrivetevi tanti al Contest! Divertitevi!

  AH! Prima che mi dimentichi! Ecco tutte le informazioni sulla Scuola di Fumetto di Roddi! Il corso sarà tenuto da me e da Umberto Giordano! Ragazzi, sinceramente... 14 lezioni a 25,00 € è praticamente un regalo! Iscrivetevi in tanti e spargete la voce!!!


Nessun commento:

Posta un commento