domenica 17 gennaio 2016

Esso Samurai!

Salto indietro nel tempo!
Vi ricordate Esso - L'ultimo fumettista? Il fumetto uscito nella lontana Lucca Comics & Games 2013 era la prima opera inedita ManFont dopo il suo rilancio su carta e il primo "lungometraggio" che disegnavo. Vado ancora molto fiero di quel volume e di tutte le idee di cui lo abbiamo riempito!
Una delle idee più fuori di testa é stata proprio il disegno di cui vi presento il making of oggi! Per far godere comunque l'esperienza di scoprirlo all'interno del volume a chi non ha l'ha ancora acquistato non parlerò della sua funzione nel fumetto. Mi limiterò a farvi vedere come l'ho realizzato e come l'ho... "aggiornato"! Ho rielaborato a colori il disegno che vedreste in bianco e nero nel volume. Il nuovo Esso Samurai é servito per abbellire il catalogo ManFont rivolto alle fumetterie.
Bando alle ciance si comincia!

Matite!
Oho! Queste sono inedite forti! Le tenevo dentro a un quaderno con un sacco di sketch preparatori per Esso - L'ultimo fumettista. Ecco qua il nostro protagonista in versione samurai! All'inizio l'illustrazione doveva comprendere anche il mitico Maestro intento a puntualizzare l'affermazione del nostro nippo-romanaccio amico. La via del samurai però impone essenzialità e ho deciso di rimuoverlo anche per rendere la gag più fulminea.

Chine!
Questa è una delle poche poche volte che ho usato il pennello a china nella mia lunga e prolifica carriera (ha ha). Ho un timore reverenziale verso l'inchiostrazione a pennello perché ho visto come si dovrebbe usare... e io non mi sento granché in grado. Certo, questo non è lo spirito migliore per imparare qualcosa ma... un giorno mi metterò d'impegno.
Così è come appare il nostro Esso nel volume!

Grigio?
Questa non è una fase molto spettacolare. In effetti si tratta solo di riempire il disegno di un colore per poi selezionare il colore e lavorare coi colori senza il pericolo di sbordare... ma mi piaceva un mucchio questo esso scuso ru sfondo bianco, anche solo così mi piacerebbe un sacco come disegno!
Nota ai coloristi nel mondo che magari stanno leggendo: sì, sono davvero molto impreciso a rimanere dentro i bordi... per questo ci siete voi di solito a colorare la mia roba. Vi voglio bene <3

Tinte piatte!
Per un catalogo ManFont di che colore poteva essere il kimono del nostro samurai?

Luci, ombre ed effetti!
Ho arrossato un po' la pelle del nostro eroe e ho cercato di dividere grossolanamente i piani con ombre e luci. Il pennello usato è molto molto grezzo... e mi piace da matti!

Pattern e  conclusione!
Una cosa che mi piace un sacco dell'arte giapponese sono i pattern che spesso vengono usati nelle decorazioni. Tanti semicerchi disposti a scaglie di pesce o semplici linee tratteggiate creano effetti incredibilmente suggestivi! Già che non ero stato abbastanza patriottico con il kimono arancione ho deciso di completare il tutto applicando la "M" Manfont ripetuta per decorare il kimono del nostro eroe. Spero di aver ricreato anche solo superficialmente il principio delle antiche stampe giapponesi.

Vorrei dedicare questo post a tutti quelli che tra di voi hanno seguito il progetto Esso fin dagli inizi. Avete creduto in noi e nelle nostre capacità e grazie a voi abbiamo deciso di proseguire la saga di Esso fino a una degna conclusione. Voi siete stati i primi a vedere questo disegno nella sua versione originale, a ridere allo stand quando l'avete visto, a non credere a quanto assurda potesse essere la storia che avevate tra le mani, a venirci a cercare in fiera per complimentarvi con noi. Grazie davvero.

Stateme bbene belli!

Nessun commento:

Posta un commento